Abruzzo: 3500 posti di lavoro potenziali grazie alle capre?

Abruzzo: 3500 posti di lavoro potenziali grazie alle capre?

Rate this item
(5 votes)

L'Aquila, 12 ago. - La crisi, in Abruzzo, si può sconfiggere anche con i terreni incolti, da cui possono derivare 3.500 posti di lavoro se si usano come pascoli per ovini e, soprattutto, caprini. A lanciare l'idea Nunzio Marcelli, presidente dell'Associazione regionale ovicaprini e animatore della tradizione della transumanza '2.0'. Con Marcelli, infatti, il percorso delle pecore verso i pascoli estivi è stato seguito da migliaia di 'fan' dalla pagine dei social network che lo stesso Marcelli aggiornava in tempo reale.

L'ipotesi di creare 3.500 posti di lavoro dalla pastorizia "non è l'ennesima uscita di qualche new-economist alla ricerca di facile pubblicità -spiega Marcelli- ma il risultato pratico dei calcoli fatti da chi da decenni conduce questa attività. E non vuole svenderla per favorire speculazioni poco trasparenti".

"Il mercato del latte di capra -assicura- è in crescita: per la sua maggiore qualità, per la ricchezza di fattori nutritivi, per la possibilità di utilizzo anche in persone con problemi di allergie, sempre più diffuse. Allora perchè si importa latte di capra dalla vicina Francia? Perchè l'applicazione delle regole europee, in Francia, da sempre avviene con molta più attenzione a proteggere il prodotto nazionale, finendo per creare un'illusione anche nel nostro paese, dove si crede che "caprino" e "francese" siano sinonimi".

L'Abruzzo, da millenni terra di pastori, vuol dimostrare che dare lavoro si può. "Purchè si voglia -obietta Marcelli- altrimenti si creerà un nuovo latifondo improduttivo, tutto legato allo sfruttamento del mercato dei 'titoli' europei, con i relativi contributi. A beneficio di chi? Non sta a noi dirlo, ma sta di fatto che alcune società che fanno incetta di contributi Pac sono già finite sui giornali, e avevano sede più vicino a Padova che a L'Aquila".

"Se poi tutto questo contribuisca a sostenere lobby che rimpinguano le casse di qualche movimento, proprio quando si discute di taglio del finanziamento pubblico ai partiti, lasciamolo alla cronaca: quel che a noi importa -sottolinea- è di non compromettere il futuro delle nuove generazioni svendendo il nostro 'tesoretto'; 3.500 posti di lavoro rappresentano, in un momento di crisi, un'occasione da non perdere che questa economia tradizionale ha da offrire".

La proposta è molto concreta, e consta di due punti cardine. "Uno -spiega il pastore-presidente- salvare subito il territorio dalla svendita a società che fanno solo speculazione sui fondi europei. Il governo e le Regioni possono, come avviene in Francia e negli altri paesi europei, chiedere che all'erogazione dei contributi corrisponda un'agricoltura reale e attiva, e non solo 'di carta' come avviene ora".

"Due: mettere a frutto questo patrimonio -spiega Marcelli- offrendo a una rete di micro-imprese i necessari servizi alla produzione e alla commercializzazione. Anche qui si guarda all'esperienza francese: con un mercato potenziale in crescita, basta un piccolo gregge per un'attività redditizia, purchè ci sia assistenza tecnica alla produzione e alla commercializzazione".

"Una proposta che non manca di attirare l'attenzione dei suoi potenziali, numerosi clienti -assicura Marcelli- sia sul fronte del consumo che su quello della produzione: purchè si scelga di investire, anzichè di svendere questo territorio".

Fonte: ADNKRONOS

Iscriviti alla Newsletter
Concorsi
Eventi





seguici su la nostra fun page su facebook il nostro canale youtube seguici su twitter rss feed seguici su flickr dicono di noi chi siamo contattaci

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.
Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.


pornhub Griffin Barrows And Timber Tiffany Towers On The Phone Kiss Me You Beautiful Lesbian Bratty Girl Randy Soft Soles Spit And Slobber Deepthroat 6 Stella Liberty Caning Stella Liberty Shreds

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per capirne di più sui cookies che usiamo e come li cancelliamo, guarda la nostra privacy policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie..