Displaying items by tag: molise


Foto di Paolo Marchegiani - Nel cuore del PNALM

Sono sempre i parchi-aree protette a costituire il segmento più rappresentativo del turismo natura in Italia col 79% delle preferenze. E' quanto si evince dall'11/o rapporto presentato oggi a Lanciano dove si è aperta la 24/a edizione di Ecotour, borsa internazionale del turismo natura

Nella top ten dei parchi nazionali preferiti dagli operatori italiani al primo posto c'è quello D'Abruzzo, Lazio e Molise:

  1. Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise (21% di richieste)
  2. Gran Paradiso (17%)
  3. Dolomiti Bellunesi (11%)
  4. Cinque Terre (9%)
  5. Stelvio e Pollino (entrambi al 7%)
  6. Circeo e Foreste Casentinesi (entrambi al 5%)
  7. Arcipelago Toscano (4%)
  8. Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga (3%)

Per il mercato europeo invece la top ten è guidata dalle Cinque Terre:

  1. Cinque Terre (25%)
  2. Dolomiti Bellunesi (20%)
  3. Appennino Tosco-Emiliano (9%)
  4. Arcipelago Toscano (7%)
  5. Vesuvio (7%)
  6. Gran Paradiso (6%)
  7. Cilento e Valle di Diano (5%)
  8. Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise (4%)
  9. Monti Sibillini (3%)
  10. Stelvio (3%)

A spingere un numero maggiore di turisti verso la natura sono prevalentemente la voglia di fare:

  1. attività sportive (47%)
  2. il relax (20%)
  3. l'enogastronomia (15%)
  4. la riscoperta delle tradizioni (10%)

Le cifre del 2013 indicano infatti un incremento dell'1,48% delle presenze rispetto al 2012, e del 4,1% del fatturato, rispetto ad un turismo tradizionale che invece ha visto le voci scendere rispettivamente del 3,5% e del 9,5%. Le presenze generate dal turismo natura in Italia hanno infatti sfondato quota 101 milioni, producendo un fatturato di 11,378 miliardi di euro.

"A migliorare la performance economica del settore - ha spiegato Tommaso Paolini, coordinatore scientifico del Rapporto - è stato l'incremento dell'internazionalizzazione di questo segmento di mercato. Per la prima volta nel 2013 l'incidenza di turisti stranieri ha raggiunto il 40,2% del totale nel turismo natura (era il 38% l'anno precedente), e questo genera un incremento del giro d'affari, in quanto un turista straniero spende mediamente 100 euro al giorno a fronte dei 65 di un turista italiano"


Il Rapporto ha analizzato anche il turismo nei Borghi più belli d'Italia, censendo un fatturato giunto a 1 miliardo 152 milioni di euro.


foto di Giuseppe Festa

New York, 9 ottobre - In un'atmosfera di sentita partecipazione è avvenuta l'inaugurazione della mostra “Abruzzo & Molise, Yesterday and Today 2015” presso il Westchester Italian Cultural Center. 
Grande successo hanno riscosso le foto dell’associazione “Paesaggi d’Abruzzo” ,che ha curato gli spazi espositivi della sezione Abruzzo, nel corso della serata sono stati proiettati i video con gli scatti dei tanti autori che da 7 anni promuovono la regione sulla fanpage della community raggiungendo  800 mila accessi mensili da tutto il mondo.

 

 

Gli scatti di sessanta autori narrano l’Abruzzo in tutta la sua bellezza: tra scorci di mare, viste di trabocchi sconosciuti e zone rurali che raccontano storie di uomini e di territori; dai castelli, alle curve sinuose delle colline, dai tre Parchi, con i massicci aspri e impervi , alle tradizioni, al folklore, ai riti religiosi; non senza tralasciare i monumenti, le architetture moderne e quelle antiche dei centri storici, l'amore per la terra, con i suoi ritmi e i suoi frutti, l'artigianato e l'arte culinaria.

 

 

Un racconto per immagini della regione che all’interno della community web viene scoperta e colta fotograficamente anche nei suoi angoli più nascosti, nei tesori custoditi nell’anonimato, nei segreti conservati gelosamente. "Ringraziamo il Westchester Italian Cultural Center" - afferma Alessandro Di Nisio, presidente dell'Associazione Paesaggi d'Abruzzo - "per aver dato una grande vetrina ad Abruzzo e Molise ed averci scelto per rappresentare la nostra regione. Faccio i complimenti per il grande impegno alla direttrice Patrizia Calce ed alle sue collaboratrici, con le quali ci siamo sentiti spesso negli ultimi due mesi per lavorare sia sull'allestimento della mostra, sia sulla programmazione di eventi con le aziende abruzzesi (Rustichella d'Abruzzo e Dora Sarchese) che hanno sostenuto la nostra iniziativa."


La mostra rappresenta un viaggio virtuale attraverso le regioni dell’Abruzzo e del Molise, un’unica regione fino al 1963. Situati all’estremita’ dell’Appennino, a poche ore dalla citta’ eterna, e non ancora contaminati dal turismo di massa, questi altopiani offrono scenari di natura selvaggia dalla straordinaria bellezza.

 

Un'occasione di straordinario valore per far conoscere la bellezza del nostro Molise negli Stati Uniti per promuovere a livello internazionale la nostra economia e il nostro turismo" – afferma il presidente della Regione Molise Paolo di Laura Frattura. -"La terra, che ha offerto a tantissimi molisani infinite opportunità diventandone la nuova casa, che ha consentito ai nostri concittadini di affermarsi e realizzarsi, di nuovo ci accoglie, mettendoci a disposizione uno spazio unico, per prestigio, numeri e organizzazione. Per un mese e mezzo racconteremo, insieme all'Abruzzo, quello che siamo stati e quello che siamo. Attraverso le nostre eccellenze faremo un viaggio tra ieri e oggi della nostra storia più bella e con noi lo faranno, come ci auguriamo, le migliaia di visitatori attesi."


 

 

Sono stati circa 100 i partecipanti alla cena di apertura della manifestazione " Abruzzo & Molise in Tavola " guidati dalla vastese Rosanna Di Michele alla scoperta dei sapori autentici delle due regioni. E' stata la pasta ad essere protagonista dello show cooking newyorkese di Rosanna che ha deliziato gli ospiti cucinando Rustichella d'Abruzzo e pasta Molisana .

 

La mostra rimarrà in esposizione fino al 20 di novembre. Di seguito l'elenco degli autori selezionati da Paesaggi d'Abruzzo:

Alessandro Santoro, Andrea Bottini, Andrea Pistocchi, Angelina Iannarelli, Anselmo Trasatti, Antonio Carosella, Antonio Martorella, Ascanio Buccella, Carmine Mozzillo, Denio Di Nardo, Domenico Lucchese, Fabrizio Caputi, Fabrizio Ferri, Federico Angeloni, Federico Garofalo, Gaetano Federico Ronchi, Giuseppe Cerbone, Giuseppe d'Antonio, Ivan Gallese, Yvo Ortombina, Josephine di Paolo, Lorenzo Sgalippa, Luciano Claudio, Luciano Evangelista, Luciano Finocchio, Luigi Bucco, Mariaelena Di Giovanni, Marina Berardelli, Mario Lucci, Massimo Losacco, Maurizio Anselmi, Mauro Tronto, Paolo Baglioni , Pierino Di Nicola, Pierluigi Valerio, Pietro Santucci, Pino Giannini, Roberto Camera, Roberto Lepore, Romano Paolini, Salvatore Costa, Sergio Scacchia, Valerio Politi, Vincenzo Mazza.

 

 

 

 

 

 

 

L’Abruzzo e il Molise si presentano a New York con la mostra “Abruzzo & Molise, Yesterday and Today 2015” ospitata nella Grande Mela dal Westchester Italian Cultural Center durante il mese della Cultura Italiana, dal prossimo 8 ottobre fino al 20 novembre.

 

 

La mostra rappresenta un viaggio virtuale attraverso le regioni dell’Abruzzo e del Molise, un’unica regione fino al 1963. Situati all’estremita’ dell’Appennino, a poche ore dalla citta’ eterna, e non ancora contaminati dal turismo di massa, questi altopiani offrono scenari di natura selvaggia dalla straordinaria bellezza. Sede del più grande Parco Nazionale dell’Italia, di antichi villaggi, di grotte e cave risalenti al periodo neolitico, di rovine romane e spiagge meravigliose.

All’interno degli spazi espositivi, progettati da Patrizia Calce (direttrice dell’Istituto), si trova la sezione “Abruzzo”, curata dall’associazione “Paesaggi d’Abruzzo”, che da ormai 7 anni lavora attivamente per la promozione della regione e del territorio, contando 127 mila iscritti sulla pagina ufficiale di Facebook e più di 800 mila accessi da tutto il mondo.

Gli scatti di sessanta autori narreranno l’Abruzzo in tutta la sua bellezza: tra scorci di mare, viste di trabocchi sconosciuti e zone rurali che raccontano storie di uomini e di territori; dai castelli, alle curve sinuose delle colline, dai Parchi, con i massicci aspri e impervi e le dolci vette rassicuranti e accoglienti, alle tradizioni, al folklore, ai riti religiosi; non senza tralasciare i monumenti, le architetture moderne e quelle antiche dei centri storici, l'amore per la terra, con i suoi ritmi e i suoi frutti, l'artigianato e l'arte culinaria.

Un racconto per immagini della regione che all’interno della community web viene scoperta e colta fotograficamente anche nei suoi angoli più nascosti, nei tesori custoditi nell’anonimato, nei segreti conservati gelosamente.

 

 

Gli autori in mostra sono:

Alessandro Santoro, Andrea Bottini, Andrea Pistocchi, Angelina Iannarelli, Anselmo Trasatti, Antonio Carosella, Antonio Martorella, Ascanio Buccella, Carmine Mozzillo, Denio Di Nardo, Domenico Lucchese, Fabrizio Caputi, Fabrizio Ferri, Federico Angeloni, Federico Garofalo, Gaetano Federico Ronchi, Giuseppe Cerbone, Giuseppe d'Antonio, Ivan Gallese, Yvo Ortombina, Josephine di Paolo, Lorenzo Sgalippa, Luciano Claudio, Luciano Evangelista, Luciano Finocchio, Luigi Bucco, Mariaelena Di Giovanni, Marina Berardelli, Mario Lucci, Massimo Losacco, Maurizio Anselmi, Mauro Tronto, Paolo Baglioni , Pierino Di Nicola, Pierluigi Valerio, Pietro Santucci, Pino Giannini, Roberto Camera, Roberto Lepore, Romano Paolini, Salvatore Costa, Sergio Scacchia, Valerio Politi, Vincenzo Mazza.

Venerdì 9 ottobre dalle ore 18:00 si terrà il grande evento di apertura della manifestazione con una cena-degustazione a cura di Rosanna Cooking: "Abruzzo & Molise in tavola", 120 invitati, tra istituzioni, operatori di settore e stampa locale, verrano guidati dalla bravissima Rosanna Di Michele alla scoperta dei sapori autentici  della nostra Terra. Rosanna, più mamma che chef, come ama definirsi, è originaria di Vasto, al confine tra Abruzzo e Molise, e dal 2008 gira il mondo portando la cucina abruzzese in tavola.

 

Il piatto forte di Rosanna, manco a dirlo, è la pasta, di cui Abruzzo e Molise vantano una produzione di altissima qualità con i marchi: Rustichella d'Abruzzo, pasta artigianale prodotta con materie prime selezionate, dal grano migliore all'acqua purissima delle sorgenti abruzzesi, e La Molisana, pastificio di Campobasso nato nel 1912.

Sarà proprio la pasta ad essere protagonista  dello show cooking newyorkese di Rosanna  Cooking che delizierà gli ospiti con  abbinamenti sempre nuovi ed originali, ma  sempre nel segno della tradizione.


Nel corso della serata verranno proiettati i video realizzati da Paesaggi d'Abruzzo con gli scatti dei fotoamatori della community

 

Giovedì 12 novembre dalle ore 11:30 saranno invece i vini abruzzesi ad essere protagonisti nell'evento: "Specialita’ D’Abruzzo and Wine Tasting". Sarà possibile degustare l’ultima produzione di vino novello delle cantine Dora Sarchese, azienda ortonese profondamente legata al territorio, che ha sapientemente incrementato e ampliato negli anni la produzione e l'offerta dei suoi vini, mantenendo sempre vive la passione e la dedizione di Don Mimì, il patriarca che nei primi del '900 gettò le basi di questa importante realtà produttiva.

 

Nel pomeriggio sarà presentato al pubblico americano il libro Viteliù. Il nome della libertà del giornalista molisano Nicola Mastronardi. Viteliù è il primo romanzo storico che racconta l’origine della nazione “Italia” ,sui monti dell'Abruzzo, è stato presentato in oltre 150 luoghi in Italia ed Europa ed è adottato come libro di testo da 15 Licei classici e scientifici. I popoli italici per la prima volta sono protagonisti di un romanzo che sta già diventando un caso letterario. Pubblicato nel 2012 da una casa editrice italiana fuori dai grandi circuiti distributivi, Viteliú si sta imponendo all’attenzione del grande pubblico grazie allo straordinario successo decretato dai lettori.

 

 

 

di Goffredo Palmerini

 

Per un mese e mezzo, dal prossimo ottobre, le eccellenze di Abruzzo e Molise saranno in vetrina a New York presso il Westchester Italian Cultural Center (WICCNY).
Abruzzo & Molise, Yesterday and Today 2015: arte, cultura, tradizioni, artigianato, enogastronomia, rassegne espositive: il meglio delle due regioni, che fino al 1963 sono state unite, potrà essere mostrato agli americani della Grande Mela, sempre attenti alla cultura italiana e alle meraviglie che si celano nella provincia del Belpaese, fuori dai soliti circuiti del turismo organizzato. E l’Abruzzo, in particolare, che chi scrive conosce meglio, è uno scrigno inesauribile di tesori d’arte e singolarità, di sapori e valori ambientali, che davvero riesce ad intrigare chiunque, ogni volta che lo s’incontra.

 

 

Lo raccontano le pagine stupende che grandi letterati e viaggiatori, a cavallo dei due secoli precedenti, hanno lasciato impresse sull’Abruzzo: da Edward Lear a Maud Howe, da Ferdinand Gregorovius a Richard Keppel Crafen, da Anne MacDonell a John Cultbert Hare.
E ancora, nei loro appunti di viaggio e nei loro scritti, da Carlo Emilio Gadda a Ugo Ojetti, da Mario Soldati a Guido Ceronetti, da Guido Piovene ad Alberto Savinio, fino a Paolo Rumiz, per citare i più noti. Senza contare i nativi abruzzesi Gabriele d’Annunzio, Ignazio Silone, Laudomia Bonanni, Mario Pomilio, Ennio Flaiano, per limitarci ai grandi. Del progetto si sta alacremente occupando la dr. Patrizia Calce, direttrice del Westchester Italian Cultural Center. Da oltre due mesi prende contatti e stimola l’interesse sull’iniziativa, importante evento promozionale in un mercato, come quello americano, sempre molto attento e curioso alla qualità e particolarità delle proposte.

C’è quindi da augurarsi che le pubbliche istituzioni - Regioni, Province, Comuni, Parchi nazionali e regionali, Camere di Commercio - e gli operatori culturali ed economici delle due regioni sappiano cogliere appieno questa straordinaria opportunità che il Centro Culturale Italiano di New York rende possibile, mettendo a disposizione gratuitamente le sue strutture, con due grandi sale espositive destinate ad Abruzzo e Molise ed altri spazi per performance e dimostrazioni.

 

 

"D’altronde l’iniziativa" - che si colloca temporalmente nel Mese della Cultura italiana nella Grande Mela - "rientra appieno nella missione del WICCNY che è quella" - dice Patrizia Calce - “di preservare, promuovere e celebrare il patrimonio e la cultura italiana attraverso diversi dai programmi ed eventi. Offriamo film, mostre e programmi, anche corsi di cucina. Tutto ciò che ha a che fare con la cultura italiana”.

Chi scrive - prosegue Palmerini - ha sollecitato tutte le istituzioni a raccogliere positivamente l’invito, che peraltro – fatto assai raro quando si parla di eventi all’estero – non peserebbe sui bilanci, almeno riguardo gli spazi espositivi, altrimenti di non lieve entità in un paese come gli Stati Uniti, e per un periodo così lungo. Insomma, un’opportunità unica, per enti pubblici e privati, per promuovere a livello internazionale l’economia ed il turismo delle regioni Abruzzo e Molise.

Nelle intenzioni del WICCNY e della sua direttrice, la mostra vuole rappresentare un viaggio virtuale attraverso le regioni Abruzzo e Molise che, sebbene così vicine a Roma, non sono ancora contaminate dal turismo di massa, offrendo, nella variabilità dei loro paesaggi dalle vette dell’Appennino al mare, stupefacenti scenari d’una natura selvaggia e di straordinaria bellezza. Sede di tre Parchi nazionali e di uno regionale, di ampie aree naturalistiche che coprono un terzo del territorio, l’Abruzzo e il Molise conservano pregevoli emergenze archeologiche, grotte e cave rupestri risalenti al periodo neolitico, meravigliosi castelli ed antichi paesi arroccati alle montagne, una costa magnifica e incantevoli spiagge.

Dunque molto importante, questo evento, anche per favorire la rinascita dei territori colpiti dal terremoto del 2009, e la città capoluogo d’Abruzzo, L’Aquila, che è stata martoriata nel suo straordinario centro storico, il sesto più prezioso d’arte in Italia. L’iniziativa, infatti, tende a mettere in risalto le risorse naturali delle regioni Abruzzo e Molise, la loro antica storia, cultura e tradizioni, evidenziando le loro produzioni artigianali, il patrimonio letterario ed artistico, così come le loro eccellenze enogastronomiche.

Il complesso del WICCNY offre due ampie ed eleganti sale espositive, una sala conferenze, una biblioteca, oltre che ad una cantina ed una cucina completamente attrezzata e funzionale.
Conferenze, spettacoli, concerti, presentazioni di libri, corsi di cucina e degustazioni di vini, saranno offerti per tutta la durata della mostra, non solo per arricchire ulteriormente l’evento, ma soprattutto per richiamare maggiormente l’attenzione del pubblico durante il periodo interessato, tra ottobre e novembre 2015.

 

 

Patrizia Calce ha progettato con cura le aree espositive perché le due regioni possano “narrarsi” e farsi conoscere nei loro aspetti più autentici e suggestivi. Intanto, nella Hall, un’area che rappresenti “il cuore verde dell’Italia”, con pannelli informativi dei Parchi delle due regioni. Nella Sala ABRUZZO, poi, una sezione fotografica d’epoca e gli antichi mestieri: l’arte orafa, con Nicola da Guardiagrele, la tecnica della filigrana, i gioielli iconici come la presentosa e la cannatora, la lavorazione orafa attuale; l’arte della Ceramica e le produzioni artistiche di Castelli; l’arte del Ferro battuto e del Rame; le produzioni artigianali in legno, pietra, pelle; tessuti e coperte, strumenti musicali. Quindi una sezione destinata a Folklore e Tradizioni, con esposizione di costumi. Ancora, una sezione destinata ai Luoghi sacri e ai Percorsi della fede: il Miracolo Eucaristico di Lanciano, San Tommaso Apostolo ad Ortona, il Volto Santo di Manoppello, la Perdonanza e la Porta Santa di Collemaggio a L’Aquila, la Scala Santa di Campli; Santo Spirito a Majella, San Bartolomeo in Legio, Sant’Onofrio al Morrone. E ancora, i castelli e borghi abruzzesi più belli d’Italia per immagini, infine specialità gastronomiche e vini. Nella Sala MOLISE una sezione destinata a Natura e biodiversità: Collemeuccio - Montedimezzo “L’Uomo e la Biosfera”, l’Oasi WWF di Guardiaregia. Una sezione dedicata ad Arte, Storia e Cultura. Una sezione per gli antichi mestieri: le Campane di Agnone, le Zampogne di Scapoli, il Merletto a tombolo, Ferro battuto e Rame, l’artigianato regionale. E ancora i Costumi tipici, Feste religiose e Tradizioni. Infine, architettura religiosa, castelli e borghi del Molise.

 

Il Westchester Italian Cultural Center si trova a Tuckahoe, mezz’ora di Metro North da Central Station, in un’area residenziale immersa nel verde, come tutta la Contea di Westchester, d’altronde. Il Centro è il sogno realizzato di Generoso Pope, uno dei più famosi e stimati italiani d’America, con importanti relazioni politiche, stretto collaboratore del Presidente Franklyn Delano Roosevelt. Un generoso di nome e di fatto - nomen omen -, che tanto ha fatto per emancipare la comunità italiana ed accompagnarla, nella realizzazione del sogno americano, alla dignità ed al rispetto che oggi ha conquistato.
E’ sede della Fondazione Generoso Pope, nata nel 1947. Pope ne fu presidente fino alla sua morte, nel 1950, quando gli succedette la moglie Catherine per 48 anni alla presidenza, ed altri discendenti. La Fondazione prosegue le tradizioni filantropiche di Pope, che riguardano promozione della cultura e della lingua italiana, aiuto ed assistenza ai bisognosi, ricerca medica, sostegno e borse di studio per la formazione di giovani, anche per studi fuori degli Stati Uniti, sostegni ad ospedali, musei, università e istituzioni religiose.

 

Tornando all’evento Abruzzo & Molise, Yesterday and Today 2015, la partecipazione alla mostra è un modo efficace per promuovere l’economia ed il commercio d’Abruzzo e Molise.
Immaginabili i possibili vantaggi, quali l’elevazione del profilo internazionale dell’attività commerciale; l’alta visibilità di prodotti e servizi; l’esposizione a potenziali clienti e la creazione di nuove relazioni; il networking con altre imprese; la promozione della propria azienda su nuovi mercati. Altre opportunità sono date dalla possibilità d’inserimento del marchio delle aziende nella Guida Abruzzo & Molise Exhibit, della promozione sul sito del Westchester Italian Cultural Center , della pubblicità sulla brochure dei programmi autunnali del WICCNY, di poter essere tra gli sponsor della manifestazione.

 

Per ogni ulteriore informazione si può contattare Patrizia Calce, direttrice dei programmi, al numero 914-771-8700, oppure tramite email a This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it .

Abruzzo & Molise, Yesterday and Today 2015 Westchester Italian Cultural Center, One Generoso Pope Place Tuckahoe, New York 10707 (914) 771-8700 (914) 771-5900 Fax

fonte: www.iitaly.org

Iscriviti alla Newsletter
Concorsi
Eventi




feed-image Feed Entries

seguici su la nostra fun page su facebook il nostro canale youtube seguici su twitter rss feed seguici su flickr dicono di noi chi siamo contattaci

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.
Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.


pornhub Griffin Barrows And Timber Tiffany Towers On The Phone Kiss Me You Beautiful Lesbian Bratty Girl Randy Soft Soles Spit And Slobber Deepthroat 6 Stella Liberty Caning Stella Liberty Shreds

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per capirne di più sui cookies che usiamo e come li cancelliamo, guarda la nostra privacy policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie..