Atri | l'8 dicembre si rinnova il rito dei Faugni

Questo articolo è stato letto: 2949 volte

I Faugni - La Tradizione

Ogni anno, all'alba dell'8 dicembre, ad Atri si ripete l'antichissima tradizione popolare dei faugni (dal latino "fauni ignis", cioè fuoco di Fauno). Essa nasce dalla fusione di una consuetudine pagana e contadina. Un tempo, nelle campagne attorno ad Atri, i contadini accendevano dei fuochi, a fini propiziatori prima del solstizio d'inverno, in onore di Fauno, divinità pagana associata alla fertilità della terra. Da questo magico rito deriva appunto la tradizione dei faugni, che consiste nell'accendere e portare in processione per la città, all'alba dell'8 dicembre, alti fasci di canne legati da lacci vegetali.

La sera del 7 dicembre il parroco della concattedrale benedice il falò che servirà all'accensione dei Faugni all'alba del giorno dopo. Il giro dei faugni all'alba dell'8 dicembre per vie e piazze del centro storico di Atri termina nella piazza del Duomo, dove i fasci di canne ardenti formano un grande falò. Il corteo è molto festoso, accompagnato dalla banda e dai ragazzi che cantano pieni di allegria, e vede procedere i Faugni (che a volte possono arrivare anche a 100) per le strade della città, che diventano "fiumi" di fuoco.


I Faugni - Massimo Loscacco@Massimo Losacco

Nei secoli l'originario rito pagano s'è mescolato a quello della festa cattolica per l'Immacolata Concezione di Maria, per cui oggi la processione dei fuochi e il grande falò davanti alla concattedrale sono seguiti dalla celebrazione della messa mattutina in onore della Madonna. Tra le 18:00 e le 19:00 c'è la processione con la statua dell'Immacolata, statua vestita della Madonna del 1800 issata su un baldacchino dello stesso periodo (l'altezza della statua può essere di 2 m) Nella sera dell'8 dicembre, infine, dopo la processione il tutto si conclude con l'accensione di due pupe, fantocci dalle fattezze femminili che vengono animati da due persone che si nascondono nell'interno cavo dei fantocci.

Le pupe danzano al suono della musica della banda e si accendono di fuochi pirotecnici. Dopo questo spettacolo pirotecnico, diffuso in tutto l'Abruzzo ma che ad Atri assume una forma particolare per la presenza di due pupe e non una, ce n'è un altro, da terra, lanciati da particolari macchinari in legno che rischiarano il cielo notturno del giorno dell'Immacolata e danno appuntamento all'anno prossimo.

La mostra fotografica "I Faugni" di Massimo Losacco
( a cura di Assunta Nespoli)


Ogni anno, nella notte tra il sette e l'otto dicembre, Atri si illumina di una luce speciale, la luce del fuoco, e tra riti religiosi e pagani, si dà vita ai Faugni, uno degli eventi che, fin dai tempi antichi, più caratterizza la città.

Nel buio che precede le luci dell'alba, grandi fasce di canne ardenti, illuminano le vie della città' medioevale, sorrette quasi come trofei, da uomini , donne, bambini, anziani, ma soprattutto atriani, orgogliosi di farlo.

Questo evento, magistralmente organizzata dal Comitato faugni, di Atri, diventa ogni anno sempre più motivo di richiamo per molti fotografi e appassionati di fotografia. Per tutti gli appassionati di fotografia saranno allestite due mostre fotografiche nel palazzo Duchi d’Acquaviva. Una avrà come tematica la transumanza e verranno esposte le opere del maestro Giuseppe Tracanna l'atra i Faugni, visti ed interpretati dall’occhio esperto del noto fotografo locale Massimo Losacco fondatore e Presidente del Castrum Fotoclub.


faugni

 

Massimo Losacco, appassionato sin da piccolo di fotografia ha documentato questa tradizione, raccogliendone i frutti in un insieme di scatti , in bianco e nero , molto forti e contrastati. Scie di luce, giochi di fiamma, cortei di persone a volte ben definite e a volte quasi evanescenti , come se fossero anime vaganti , che sembrano voler ricordare le antiche origini dei Faugni. Sullo sfondo le piazze , i vicoli , le vie del centro, che fanno da cornice, una cornice dipinta da una luce riflessa che non la pone in secondo piano, ma la avvolge quasi in un alone di mistero che la rende ancora più bella.

La mostra sarà inaugurata il 6/12 alle 20.00 presso le Cisterne Ducali di Atri.

In anteprima per Paesaggi d'Abruzzo pubblichiamo alcuni dei 24 scatti che saranno esposti nella mostra.

 

faugni
@ Massimo Losacco

 

faugni
@ Massimo Losacco

 

faugni
@ Massimo Losacco

 

faugni
@ Massimo Losacco

 

faugni
@ Massimo Losacco

 

faugni
@ Massimo Losacco

 

faugni
@ Massimo Losacco

 

faugni
@ Massimo Losacco

 

 

seguici su la nostra fun page su facebook il nostro canale youtube seguici su twitter rss feed seguici su flickr dicono di noi chi siamo contattaci


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per capirne di più sui cookies che usiamo e come li cancelliamo, guarda la nostra privacy policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie..