Passione Natura - Intervista a Fabrizio Caputi

Questo articolo è stato letto: 2689 volte

Passione Natura - Intervista a Fabrizio Caputi
(di Luciano Finocchio)

Inauguriamo con Fabrizio Caputi, giovane fotografo naturalista, una serie di interviste per conoscere meglio i tanti produttori di foto-emozioni della nostra community di Paesaggi d'Abruzzo.

Fabrizio Caputi nasce il 2 novembre 1985 a Pescara e sin da piccolo ha coltivato la sua passione per la natura e la fotografia. Ha iniziato a fotografare con una semplice macchina analogica per poi arrivare ad utilizzare attrezzature Nikon digitali professionali.
Specializzandosi nel corso degli anni nella fotografia naturalistica, attaverso i suoi scatti ci regala emozioni raccontando  molte delle sue esperienze vissute in alta montagna, tra boschi, valli e splendidi paesaggi dei Parchi d'Abruzzo.

D Come e perché ti sei avvicinato alla fotografia?

R La fotografia mi ha affascinato sin da quando avevo 14 anni. Riuscire a congelare l'attimo per poi rivederlo in qualsiasi momento era per me pura magia. Con gli anni la passione per la fotografia è divenuta quasi una malattia e man mano che acquisivo dimestichezza con la materia compravo attrezzature sempre migliori, fino ad avere un corredo professionale.

D Sei un’ autodidatta o hai seguito dei corsi, frequentato scuole, workshop?

R Le conoscenze di base della Reflex le ho apprese grazie ad un corso base che mi ha aiutato a capire come operasse tecnicamente un corpo macchina, poi, successivamente sono migliorato frequentando alcuni professionisti. Quello che all'inizio era un rapporto studente/insegnante si è poi trasformato in una vera amicizia. E' importante imparare da chi ha più esperienza di noi, senza però rimanere sotto la sua ombra, ognuno ha un proprio cammino personale da intraprendere che ci permette nel tempo di dare un impronta personale al proprio lavoro.

D E’ nata prima la passione per la natura o quella per la fotografia naturalistica?

R L'amore per la Natura c'è sempre stato: camminare tra i boschi e arrivare in vetta mi ha sempre regalato un senso di libertà ineguagliabile. Personalmente preferisco solo la fotografia naturalistica in quanto mi permette di tornare a casa e rivedere i meravigliosi paesaggi in cui sono stato o gli splendidi soggetti che ho fotografato , magari colti in momenti molto particolari, ad esempio una cincia che si lancia dal suo nido o un cervo che bramisce.

D Due parole sul tuo cammino fotografico… ostacoli, delusioni ?

R  La delusione è un elemento con il quale bisogna imparare a convivere quando si parla di fotografia naturalistica: la maggior parte delle volte non torniamo con lo scatto che sognavamo quando siamo partiti da casa, ma il bello sta anche in questo, nell'attesa, nell'osservare la natura per ore e  ore fino a sentirsi parte integrante del paesaggio. La fotografia naturalistica richiede tanti sacrifici e lunghi appostamenti  per riuscire a cogliere momenti interessanti. Sono dell'idea che un fotografo naturalista debba evitare che l'ingordigia prenda il sopravvento, è fondamentale rispettare sempre gli animali nel loro habitat. A volte è meglio godersi le scene con gli occhi piuttosto che invadere il territorio di un animale per poi costringerlo alla fuga.

D Quali sono le scene che ti sei trovato di fronte e ti hanno maggiormente colpito?

R  La prima accadde poco dopo la primavera, quando nel Parco Nazionale d'Abruzzo scorsi all'improvviso un orso che mangiava tranquillamente con un branco di cavalli, le immagini sono state trasmesse anche dal TG5 che mi intervistò per l'occasione.
Un'altra volta durante un appostamento ho assistito alla scena di tre cani pastori abruzzesi che difendevano il loro bestiame dall'attacco di sette lupi costringendoli alla fuga.

D Per chiudere due parole sul tuo rapporto con Paesaggi D’Abruzzo. Cosa ne pensi?

R Questa regione è apprezzata più da chi vive all'estero che da chi ci abita e questo soprattutto perchè non si è a conoscenza delle meraviglie che racchiude.
La pagina di "Paesaggi D'Abruzzo" è un luogo di incontro molto interessante che ha permesso alla mia splendida regione di essere valorizzata, per questo motivo ho piacere a condividere i miei scatti autorizzando gli amministratori alla pubblicazione.

Mantide Religiosa - Splendido esemplare di mantide religiosa incontrata lungo un sentiero nel PNALM

Cervo Nobile - una mattina decisi di appostarmi prestissimo, prima che facesse giorno, in quanto avevo
visto diverse tracce di Cervo Nobile dirigersi verso il lago di Barrea e tornare nel bosco.
Quando uscirono i primi raggi di sole notai subito due splendidi esemplari maschi uscire dall'acqua e
tornare tranquillamente verso la montagna, una scena che capita veramente di rado, nonostante la temperatura
era di gran lunga sotto lo zero, quella scena aveva ripagato tutto il gelo sofferto.

Tramonto sul Fucino - una situazione incredibile che sembrava ricreare l'antico lago del Fucino

Incontro con l'orso marsicano - dopo cinque giorni di appostamento nel Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio
e Molise finalmente una luce perfetta e l'occasione giusta per realizzare questo scatto.

Insolito incontro tra il lupo appeninico ed un vitello.

Un bellissimo cucciolo di volpe appena uscito dalla sua tana

Altre splendide immagini come queste potete trovarle sul sito internet: www.fabriziocaputi.com
e sulla fanpage: www.facebook.com/wildphotographyfc di Fabrizio Caputi

 

seguici su la nostra fun page su facebook il nostro canale youtube seguici su twitter rss feed seguici su flickr dicono di noi chi siamo contattaci


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per capirne di più sui cookies che usiamo e come li cancelliamo, guarda la nostra privacy policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie..