Sulle tracce di un cinghiale nella neve (di Domenico Marinelli)

Sulle tracce di un cinghiale nella neve

di Domenico Marinelli

Nel pomeriggio di martedì 14 febbraio decisi di uscire per fare delle foto e alcuni filmati nel territorio in cui vivo: i Monti della Laga, più precisamente Valle Castellana in provincia di Teramo. Approfittando della bella giornata e soprattutto della grande quantità di neve caduta nei giorni precedenti sono arrivato nella località Vallinquina dove ho scattato alcune foto panoramiche del paese e dello storico castello Bonifaci.

castello bonifaci

Durante gli scatti però lo sguardo mi è finito su una traccia di animale molto marcata che attraversava un vasto prato innevato situato a circa 500 metri di distanza dall’abitato. Mi sono recato sul posto per controllare di quale animale fossero quelle orme e senza alcun dubbio capii che si trattava di un cinghiale, quel solco inconfondibile nella neve ha fatto da apri pista agli animali più piccoli. A quel punto due idee mi passarono per la mente: seguire le tracce fino a raggiungere il cinghiale, oppure cercare di capire in quale punto sarebbe potuto uscire fuori. Optai per la seconda, mi diressi verso il borgo Macchia Da Sole, dopo circa 15 minuti, su un vasto pendio contornato da qualche albero sparso notai una macchia nera tra il bianco della neve.

cinghiale

Presi subito il binocolo e provai a scrutare bene la zona, mi accorsi istantaneamente che quella macchia nera in realtà era un cinghiale che tentava un’ardua attraversata. La neve al suolo superava abbondantemente il metro di altezza per questo il cinghiale non riusciva a fare più di tre metri alla volta.

cinghiale

A questo punto riposi il binocolo e presi immediatamente la fotocamera e scattai velocemente delle fotografie. L’animale appena ha fiutato la mia presenza (circa 150 metri) ha tentato di fare inversione per mettersi al riparo ma non c’è riuscito a causa della grande neve.

cinghiale

A quel punto decisi di passare alla modalità video e iniziai a filmare il tutto. Purtroppo per lui e per fortuna per me il cinghiale era davvero in difficoltà, la sua lentezza mi ha permesso di realizzare una ripresa completa.

Erano molte settimane che cercavo di filmare un cinghiale in mezzo alla neve, dopo vari tentativi e appostamenti invani la fortuna ha deciso di venirmi incontro e nel momento più inaspettato mi ha fatto incontrare questo simpatico animale selvatico.

 

 

 

Commenti  

 
+2 #1 karmiko 2012-02-18 13:54
...bellissime riprese!!!daver o!!!e bellissime foto!!!!cmq, con tutto che ogni forma di Vita è un miracolo che va tutelato, forse in questo caso la selezione naturale cade anche a pennello!!nel senso che nel nostro Abruzzo e non solo alcuni ani fa introdussero cinghiali dall Ungheria, molto piu grossi e aggressivi dei nostri...e i nuovi arrivati si son riprodotti a dismisura, sostituendosi del tutto o quasi alle specie autoctone, creando gravi danni a natura ed uomo!!!;)
amo ogni forma di Vita, ma davvero, qui come spesso acade l uomo ha sbagliato di grosso, rompendo un delicato equilibrio...certo, non è colpa dei poveri cinghiali, ma morte e rinascita son cicli naturali di autocontrollo della catena alimentare!!!;)
 

seguici su la nostra fun page su facebook il nostro canale youtube seguici su twitter rss feed seguici su flickr dicono di noi chi siamo contattaci


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per capirne di più sui cookies che usiamo e come li cancelliamo, guarda la nostra privacy policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie..