Montone: dove “Bucciarello” lasciò il segno

Montone - Dove "Bucciarello" lasciò il segno

di Sergio Scacchia

Un mantello per proteggersi dalle intemperie. Un cappello a larghe falde per ripararsi dai raggi del sole e dalla pioggia. Il lungo bastone nodoso nella parte superiore per facilitare l’appoggio e, ferrato nella parte inferiore per difendersi da lupi e briganti.

La bisaccia senza alcun lacciolo all’imboccatura, per essere pronta a ricevere ma soprattutto a dare.

Così giunse fin qui nel secolo decimo, uno sparuto gruppo di frati Celestini che poi decise di fondare un convento, bonificando e rinvigorendo la collina.

monastero

I chierici erranti pensarono di essere nel posto giusto per erigere un monastero fortificato che dominasse l’immensa valle solcata dai fiumi Tordino e Salinello.

Montone, a pochi chilometri da Mosciano S.Angelo, oggi si offre agli ignari visitatori che magari s’imbattono per sbaglio in questo gioiello, come un piccolo presepe fuori dal tempo donando l’immediata percezione di essere ormeggiati nel cuore della parte più vera della Provincia teramana.

borgo di montone

Il borgo medioevale occupa una collina al di sopra di una terrazza dalla invidiabile posizione a balcone sul mare e le aspre vette del Gran Sasso.

La campagna offre al visitatore un colpo d’occhio incredibilmente bello. Si dovrebbe salire fin quassù in ogni stagione per fotografare gli incredibili mutamenti che i campi subiscono durante le varie fasi dell’anno.

campagna nei pressi di Montone

Il piccolo insediamento spirituale dei Celestini mutò in seguito, in un “castrum” fortilizio con mura perimetrali e unica strada di accesso, fin su dove oggi è ancora visibile il vecchio maschio con la torre campanaria della chiesina dedicata a S. Antonio, tratti di cinta muraria e un bastione di mattoni e ciottoli con merli a sud ovest che guarda verso la Vibrata e scorge l’abitato di Nereto.

Il borgo, poi, nel 1300, fu Ducato degli Acquaviva di Atri e le mura fortificate vennero intervallate da ben sette torri e mura.

È, in breve, la storia di un borgo oggi animato da circa ottomila abitanti.

Storia che si tinge di romanticismo con la vicenda di Bucciarello. L’uomo, ufficiale al servizio del conte di Conversano, Antonio Acquaviva, commissionò un sarcofago in pietra e stile gotico, opera bellissima di un artista locale per contenere le spoglie dell’amata moglie, morta prematuramente. Anni dopo l’uomo fece erigere una chiesa dedicata a San Giacomo che oggi, restaurata, impreziosisce il piccolo abitato.

Il sarcofago è sorretto da cinque colonnine, con leoni stilizzati ed è impreziosito da un bassorilievo con l'Agnus Dei e figure di angioletti.

Oggi la preziosa opera si trova nella Chiesa di S. Antonio Abate dove è ospitato anche un bel gruppo scultoreo con l'Immacolata, S.Antonio e San Camillo ai lati sull'altare maggiore e due dipinti con la Natività e la Sacra Famiglia.

Chiesa di Sant'Andonio

Sul finire dell’inverno la luce gelida e pura inebria, vivida, i colori. Lo sguardo spazia verso le dorsali che separano le valli dal mare e si perde nel cielo. Si riscopre nella natura, in quel contrasto tra l’azzurro cobalto e la pennellata candida di neve che orla le cime del gigante Gran Sasso, la radice della bicromia essenziale che stregò quei frati giunti fin qui. Sembra di essere protagonisti in una pennellata larga che marca indelebilmente l’immaginaria linea dell’orizzonte, quasi spaccando in due il mondo creato dall’Altissimo.

Montone è una piccola ruga incastonata tra colline verdi, custode di un prezioso patrimonio di storia e di cultura. In mezzo a zolle ruvide, tra poggi e declivi, gli occhi sono colpiti dal colore dell’Adriatico, in basso a fine valle. Un turchino intenso che in inverno diventa cupo e minaccioso. Penso che la natura sia stata particolarmente generosa per questo angolo di territorio che offre sensazioni dimenticate e porta a scoprire in mezzo a distese di girasoli e vigneti, ginestre e fasci di alloro, stradine secondarie ricche di piccole storie agresti dove regnano pace e silenzio.

La piazzetta del Belvedere vibra di domenica al chiacchiericcio degli anziani al bar.

piazzetta nel centro di Montone

Uno di essi, sorseggiando un grappino, racconta storie affascinanti.

Come quando la raccolta dell’olivo regalò negli anni 50, una stagione incredibile. Quintali di olio, racconta il vecchio, che in paese non si sapeva dove mettere. Degli improvvidi vollero trasportarlo in un fondaco vicino e, durante il trasbordo, un otre si ruppe rovesciando litri di olio. Mentre le donne giovani volevano recuperare il possibile, la più anziana del paese, quasi cento anni, urlò di non toccare niente. Quel liquido era maledetto e per due anni il raccolto sarebbe stato nullo, sentenziò greve. Non fu ascoltata! Ebbene, il mio interlocutore giura che accadde tutto ciò. I due raccolti successivi furono quasi nulli a causa di grandinate terribili e venti da borea che sconvolsero il territorio. Era superstizione o cosa?

Oggi Montone, come afferma la Pro Loco, è l’espressione più viva di un curioso e attento turismo culturale che va a braccetto con l’economia locale fatta di agricoltura in una aura di malinconia costruttiva per una epoca rurale che qui ancora vive.

dettagli di montone

Da queste attenzioni verso le origini nascono iniziative come la sagra del vino e dell’olio d’autore, la castagnata, la favata, allo scopo di valorizzare la cultura della terra, rinsaldando i legami della collettività.

 

Commenti  

 
+1 #1 annamaria lozzi 2011-03-23 20:20
sono felice di vedere queste pubblicazioni ...mi fanno conoscere il mio meraviglioso ABRUZZO ...oggi e MONTONE del teramano provincia a me nota perchè mia mamma originaria di ARSITA paese dove ho trascorso molti anni della mia fanciullezza e del periodo della guerra ,,,fate un bel servizio e ve ne sono grata ...:-*)))
 

seguici su la nostra fun page su facebook il nostro canale youtube seguici su twitter rss feed seguici su flickr dicono di noi chi siamo contattaci


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per capirne di più sui cookies che usiamo e come li cancelliamo, guarda la nostra privacy policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie..